By continuing to use the site you agree to our privacy and cookie policy.

I agree

Vuoi aumentare la produttività?

Automated quality control productivity interface

Negli ultimi anni, le industrie manifatturiere globali hanno ideato parti e assemblaggi dal design sempre più complesso per rispondere a mercati iperconcorrenziali. Tuttavia, ciò richiede a lungo termine processi di controllo qualità più avanzati.

Che cosa causa le inefficienze?

Spesso, le ispezioni di controllo qualità vengono eseguite in una sala isolata dagli ambienti di produzione, dove le variazioni di temperatura e umidità e le vibrazioni sono ridotte. Gli esperti del controllo qualità devono prelevare campioni dall’ambiente di produzione e portarli nel laboratorio di controllo qualità per eseguire le ispezioni dimensionali con CMM. Questo movimento di componenti presenta vari impatti negativi. Per esempio, richiede un considerevole investimento di tempo e sforzi per spostare i componenti avanti e indietro dalla linea di produzione al laboratorio, spesso con il risultato di creare ingorghi ingestibili presso le varie postazioni di misurazione e ritardi notevoli nel processo decisionale.

Quali sono i tuoi principali problemi di produttività rispetto

ai processi automatizzati di controllo qualità?

Velocità,
Forza lavoro,
Complessità

Prova l’esperienza interattiva

Ispezioni nella linea di produzione

Allo scopo di attenuare questi problemi e parallelamente a una sempre maggiore implementazione dell’Industria 4.0, i produttori richiedono che le ispezioni di controllo qualità vengano condotte sulla linea di produzione o nelle aree limitrofe per massimizzare l’efficienza e semplificare la comunicazione lungo tutti i processi di produzione.

Di conseguenza, mai come oggi occorre effettuare ispezioni dimensionali all’interno del ciclo di produzione utilizzando soluzioni metrologiche automatizzate near-line o in-line.

Se le ispezioni vengono eseguite sulle linee di produzione, la velocità di ispezione deve seguire quella di produzione per non compromettere la produttività. Un arresto nella produzione causato da inefficienze ispettive presenta enormi costi. Pertanto, il ritorno sull’investimento delle soluzioni di controllo qualità automatiche è molto elevato.

Soluzione: scansione 3D

Grazie alle nuove tecnologie e ai progressi scientifici, i produttori utilizzano soluzioni di scansione 3D di prossima generazione con velocità di acquisizione dei dati senza precedenti, che arrivano fino a 500.000 punti/secondo e con una creazione di mesh più veloce. La sinergia fra fotocamere ad alte prestazioni e componenti informatici aumenta l’acquisizione dei dati e la velocità di elaborazione. Per superare le prestazioni dei singoli computer, si stanno progettando sistemi informatici incrociati per l’elaborazione simultanea dei dati su più CPU. Questa forma di parallelizzazione consente di separare l’acquisizione dei dati dalla creazione delle superfici. In altri termini, gli scanner 3D sono ora macchine in grado di eseguire più attività contemporaneamente, offrendo una soluzione di scansione continua delle parti, più rapida che mai. È possibile anche regolare le impostazioni degli scanner durante il processo di scansione per ottimizzare l’acquisizione delle superfici in base a vari colori e texture. Si tratta di un importante progresso che consente di effettuare – ad esempio – la scansione di superfici nere lucide e bianche opache sulla stessa parte.

Aumento della produttività nelle ispezioni automatiche

Gli scanner 3D consentono ai team di controllo qualità di eseguire più ispezioni automatiche all’ora. È possibile rilevare problemi, difetti e irregolarità per azioni immediate o future. Inoltre, la manutenzione delle apparecchiature e le misure correttive nel processo di produzione possono essere identificate e pianificate in anticipo. La possibilità di connessione diretta con i database di produzione consente la sincronizzazione automatica delle informazioni per un ulteriore risparmio in termini di tempo.

In breve, il numero delle parti difettose da ricostruire diminuisce, si riduce il numero di parti scartate rispetto a quelle prodotte e più parti vengono fabbricate e vendute con la stessa quantità di materie prime. Il ritorno sull’investimento è uno dei maggiori punti di forza di questo tipo di soluzione.

Articolo scritto da Creaform

Commenti sull'articolo