By continuing to use the site you agree to our privacy and cookie policy.

OK

Rendering per arredamento e design d’interni

L’azienda italiana Virtual Design è stata fondata nel 1995 e produce rendering fotorealistici nel campo dell’arredamento e del design di interni. Produce inoltre modelli 3D basati su foto, disegni o scansioni 3D.

Per uno dei suoi clienti – leader storico nel mercato dei mobili di design prevalentemente in fibre naturali – Virtual Design ha dovuto creare modelli 3D dell’intero catalogo. Poiché questi mobili sono estremamente complessi (per esempio con nodi e strutture ad intreccio), sarebbe stato molto difficile ricreare la struttura 3D da semplici fotografie.

L’azienda ha quindi deciso di acquistare da Creaform uno scanner 3D Go!SCAN insieme al software VXelements. VXelements è usato per la digitalizzazione degli oggetti e il modulo software VXmodel per l’ottimizzazione della scansione. Normalmente, per generare modelli 3D fotorealistici, l’uso della fotogrammetria (manuale o digitale) è necessario: questo processo – oltre a richiedere molto tempo – alle volte restituisce le geometrie di oggetti complessi in modo approssimativo. Inserendo lo scanner 3D nel processo, ci si è assicurati modelli 3D con geometrie accurate.

In breve, lo scanner è usato come tracciatore e 3DSTUDIO MAX per la realizzazione del modello 3D.

Prima di acquistare lo scanner, Virtual Design utilizzava esclusivamente fotografie per creare modelli 3D. Il progetto qui riportato sarebbe stato certamente realizzabile senza scanner, ma la resa finale sarebbe stata approssimativa.

Con lo scanner manuale Go!SCAN 3D, l’azienda adesso può portare a termine velocemente le digitalizzazioni, e può acquisire dimensioni e forme degli oggetti in tempo reale. Il reverse engineering può essere completato immediatamente a seguito della scansione, e tutte le correzioni prima necessarie possono essere evitate. Il sistema è portatile e flessibile, e può essere usato sia in studio che presso il cliente.

Articolo scritto da Creaform

Commenti sull'articolo