By continuing to use the site you agree to our privacy and cookie policy.

OK

3 aspetti da valutare per l’acquisto di soluzioni metrologiche dedicate all’ispezione di componenti di grandi dimensioni

Trasporto di un'enorme elica su un lungo camion dopo l'ispezione del controllo qualità

Diversi produttori del settore aerospaziale, dei trasporti e della produzione di energia, come ad esempio l’azienda austriaca ANDRITZ, devono eseguire ispezioni di controllo qualità su parti di grandi dimensioni estese da 2 a 10 metri e persino oltre.

Purtroppo, le tecnologie convenzionali, come ad esempio le macchine di misura a coordinate (CMM), i tracker laser e i bracci di misura, non sono adatte all’ispezione delle parti di grandi dimensioni.

Queste limitazioni stanno aprendo la strada all’utilizzo degli scanner 3D portatili di nuova generazione (HandySCAN 3D) e dei CMM ottici (MaxSHOT 3D), soluzioni che offrono numerosi vantaggi rispetto alle tecnologie precedenti. Entrambi i prodotti sono adatti agli operatori dotati di qualsiasi livello di specializzazione, e possono essere usati direttamente sui luoghi di produzione, generando dati di scansione altamente accurati e affidabili in pochissimo tempo. Un numero sempre maggiore di produttori sta scegliendo queste nuove tecnologie per ottimizzare e accelerare il controllo qualità dei progetti su larga scala.

MaxSHOT 3D, sistema di misura ottico a coordinate, ispezione di parti di metallo dettagliate su larga scala

Se stai cercando una nuova soluzione metrologica per eseguire misure 3D di parti di grandi dimensioni, devi prendere in considerazione alcuni fattori:

  1. Complessità e tempistica dei flussi di lavoro del controllo qualità
    A seconda della complessità e tempistica delle ispezioni, devi individuare un sistema di misurazione 3D in grado di generare rapidamente risultati ripetibili e accurati.Spesso, gli strumenti tradizionali richiedono numerosi spostamenti da e verso il laboratorio di metrologia, come avviene per i CMM, o complicate impostazioni e allineamenti fissi, come nel caso dei bracci articolati. In entrambi i casi, occorre molto tempo per la configurazione dei dispositivi per un funzionamento efficace, aspetto che allunga i tempi dei cicli di ispezione.
  2. Il luogo delle ispezioni
    L’ispezione di parti di grandi dimensioni usando un CMM posto in un laboratorio di metrologia è un processo difficile, complesso e spesso proibitivo in termini di costi: alcune parti sono troppo estese per eseguirne il trasporto in laboratorio, e a volte diventa necessario l’acquisto di un CMM customizzato per le parti di grandi dimensioni. Da tutto ciò si evince che il trasporto di componenti di grandi dimensioni in un laboratorio di ispezione è un processo costoso e inefficiente.

Se si intende ispezionare le parti in officina, è bene sapere che le tecnologie come i bracci articolati e i tracker laser non sono in grado di resistere alle condizioni difficili degli ambienti di fabbricazione. In questi casi, l’accuratezza, affidabilità e ripetibilità delle misure 3D verranno compromesse a causa della sensibilità di questi tipi di apparecchiature ad elementi come instabilità ambientali, variazioni termiche e vibrazioni presenti in una linea di produzione in funzione.

  1. Dimensioni e complessità delle parti ispezionate
    Se i responsabili del controllo qualità non misurano spesso parti complesse e di grandi dimensioni, occupandosi soprattutto di parti compatte, i dispositivi di metrologia tradizionali possono rivelarsi adatti allo scopo.

Tuttavia, è importante valutare attentamente il volume e tipo di ispezioni di controllo qualità da gestire potenzialmente nel lungo periodo. Quindi, occorre fare alcuni calcoli. Quanto tempo viene impiegato dagli operatori per impostare i sistemi, trasportare le parti da e verso l’ambiente di produzione ed eseguire le misurazioni 3D? Occorre acquistare altre attrezzature di movimentazione? L’azienda produce componenti dotati di geometrie altamente complesse o superfici riflettenti, che potrebbero rallentare la velocità di ispezione? Potresti restare sorpreso dall’entità complessiva delle inefficienze e dei costi prodotti da questo scenario.

Dopo aver valutato queste esigenze, affrontiamo il motivo per il quale gli scanner 3D e i CMM ottici possono vincere qualsiasi sfida relativa all’ispezione delle parti di grandi dimensioni.

Scopriamo l’esperienza di ANDRITZ HYDRO. Con oltre 280 siti di produzione in tutto il mondo, ANDRITZ è uno dei principali fornitori mondiali di impianti, attrezzature e servizi per centrali idroelettriche, settore cartario, metallurgico e dell’acciaio, separazione di solidi/liquidi per comuni e industrie e pellettizzazione di mangimi e biomasse.

ANDRITZ HYDRO ha utilizzato a lungo i tracker laser e i bracci di misura per eseguire misurazioni dimensionali di una vasta gamma di parti di grandi dimensioni. Il team di controllo qualità di questa azienda intendeva usare soluzioni più flessibili per effettuare le misurazioni in ambienti produttivi.

Vuoi scoprire in che modo questa azienda all’avanguardia ha introdotto la scansione 3D e la fotogrammetria?

SCARICA IL CASE STUDY OGGI STESSO!

 

Articolo scritto da Creaform

Commenti sull'articolo